SPECIALE

.

.ELEZIONI AMMINISTRATIVE

.

PRIMA 

 

a
   

Le elezioni provinciali

 

Il Nord cambia strada

   
 

Primo turno

Un voto senza scosse

   
 

Exit-poll

Per Genova e Lecce 
sindaco senza ballottaggio

   
I dati elettorali

Province

Comuni capoluogo 
di provincia
Come si vota
Prima pagina

Segnala
questo sito

e-mail
del destinatario

Amministrative / Secondo turno

Il Nord cambia strada

 
Superata la boa del secondo turno di questa tornata di elezioni amministrative (11.170.714 di elettori,10 Province e 946 Comuni coinvolti) i risultati rivelano in modo netto la ripresa del centro sinistra, premiato questa volta dalla sua politica di coinvogimento (Rifondazione e Di Pietro) oltre le forze dell'Ulivo, il mancato "effetto Berlusconi", un'inversione di tendenza degli orientamenti politici al Nord, fortemente orientati nelle ultime elezioni politiche verso la Lega e Forza Italia.
Il centro sinistra vince nelle città capoluogo, 9 a 2 i ballottaggi, e strappare cinque Comuni alla Casa delle Libertà: Asti, Alessandria, Piacenza, Verona. Il centrodestra conquista invece Isernia. Bilancio finale: l’opposizione puòcontare su 15 sindaci nelle città capoluogo contro le 13 andate alla Casa delle Libertà ( 17 a 11 per il Polo quattro anni fa, negli stessi Comuni)

Per quanto rigurada le elezioni provinciali, ballottaggi a Vercelli, Treviso e Campobasso, i primi due vanno alla Casa delle Libertà, il terzo all’Ulivo. Al primo turno invece era passata al centrodestra la provincia di Reggio Calabria. Alla casa delle libertà 6 province, 4 al centro sinistra. Nel primo turno erano andate al centrosinistra Ancona, Genova e La Spezia e al centrodestra Como, Varese, Vicenza e Reggio Calabria. A Treviso si conferma la forza della Lega che, con Luca Zaia, ha incassato il 68,9 per cento. Sul candidato del Carroccio sono comunque affluiti i voti di tutti i partiti della Casa delle Libertà che al primo turno si erano presentati divisi.

Affluenza in calo: alle provinciali si è recato alle urne il 51,1 per cento contro il 65,2 del 26 maggio e alle comunali il 66,4% contro il 75,8. Nelle città capoluogo l’affluenza è stata però maggiore rispetto alla media con punte oltre il 70 per cento a Cuneo, Piacenza e Frosinone, dove ha votato il 78%.
 
  Provinciali 2002 Politiche 2001 Prov. Precedenti 
Partiti voti % voti % voti %
Ds 411.119 18.0 496.137 13.5 416537 16.3
La Margherita 235.542 10.3 439.135 13.5    
Udeur 17.250 0.8        
Sdi 41.278 1.8     43.729 1.7
Verdi 45.689 2.0     33.701 1.3
Pdc 59.047 2.6 58.148 1.8 3.700 0.1
Di Pietro 48.128 2.1 148.425 4.6    
Rifondazione c. 124.423 5.4 151.462 4.7 198.875 7.5
             
Fi 476.058 20.8 946.548 29.1 250.670 9.8
Udc 132.049 5.8        
An 192.985 8.4 309.563 9.5 240.937 9.4
Lega Nord 222.341 9.7 283.285 8.7 548.645 21.4
Psi 38.706 1.7     185.864 7.3
             
Ms Fiamma 13.048 0.6 14.248 0.4 12.127 0.5
Fronte naz. 1.031 0.0 1.063 0.0 1.438 0.1
Forza Nuova 4.232 0.2 1.888 0.1    
fonte: l'Unità            



(11 giugno 2002)

LINK

Ministero dell'Interno