ATTUALITA'

WWW.RASSEGNA.IT

 

Alitalia

Trattativa interrotta 
Cai, "non ci sono le condizioni"

Interrotta la trattativa per il salvataggio di Alitalia. Dopo sette giorni di negoziato la Cai, società della cordata di imprenditori italiani creata per rilevare la compagnia aerea fa sapere che, a suo giudizio, «non ci sono le condizioni per proseguire le trattative». 

«La macchina del commissario di Alitalia è inesorabilmente in moto», ha detto il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi confermando il ritiro di Cai dalla trattativa. «Una situazione critica ma non definitiva» ha detto il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi aggiungendo che ''la speranza è l'ultima a morire'

Di «insormontabili difficoltà» avevano parlato stamani Cgil Cisl Uil e Ugl. I sindacati hanno deciso di «fermare gli orologi e aggiornare la ripresa della trattativa nelle prossime ore». È quanto hanno comunicato dopo il lungo incontro nella notte con i ministri Sacconi e Matteoli e l'amministratore delegato di Cai Rocco Sabelli.

Senza un'intesa, il commissario straordinario dell'Alitalia Augusto Fantozzi dovrà avviare la disdetta dei contratti e la mobilità dei lavoratori. Che significa fallimento e 20.000 lavoratori a casa. I nodi da sciogliere restano flotta, network, cargo e contratto. In una dichiarazione all'Ansa, il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo Corrado Passera ha commentato: «Non si rendono conto della situazione in cui si trova Alitalia, in particolare i piloti».

Secondo le cifre trapelate dalle agenzie di stampa, in base ai dati presentati questa notte al tavolo della trattativa prima della rottura, il numero degli esuberi previsti sarebbe stato di oltre 5mila, considerando anche le esternalizzazioni. In particolare, per i piloti ci sarebbero mille esuberi, dei quali 130 riguardano l'esternalizzazione delle attività cargo.

Intanto i sindacati dei piloti «smentiscono ufficialmente incontri formali e informali in merito a possibili nuove offerte con Unicredit». Il sindacato, hanno spiegato, «è disponibile a un'offerta con i nostri tfr e attraverso contatti con istituti di credito e compagnie aeree internazionali, che ci riserviamo di presentare non appena pronta. Manteniamo la massima riservatezza, vista la delicatezza del momento».

(www.rassegna.it, 12 settembre 2008)

LINK

Alitalia

Cgil

Cisl

Uil