Speciale, ELEZIONI 2008

WWW.RASSEGNA.IT

illustrazione di Mario Ritarossi

Una proposta semiseria: diamo il diritto di voto agli animali domestici

Torna alla prima dello speciale

di Davide Orecchio

Oltre 44 milioni di potenziali elettori da convincere senza promesse impegnative. Senza programmi e slogan vincenti. A loro non interessa se l’Ici sarà abolita o no, se le tasse caleranno, se ci sarà più lavoro e pagato meglio e tutelato. Nemmeno comprendono la nostra lingua, dunque non è necessario usare parole. Il loro voto si otterrebbe con mezzi più semplici. Tanti pregi cui si aggiunge il più importante, cioè che sono molti: sette milioni di cani, otto milioni di gatti, mezzo milione di roditori addomesticati (criceti, topolini d’India eccetera) e tanti altri. Possibile che nessun guru, nessuno spin doctor o scienziato statistico l’abbia ancora proposto agli schieramenti politici? Sconsolatamente, dobbiamo risponderci che purtroppo è vero: nell’aprile del 2008 l’Italia si appresta a vivere la sua ennesima esperienza elettorale senza che gli animali domestici abbiano ancora il diritto di voto. Un’insensatezza. Sono o non sono i migliori amici dell’uomo?

Veltroni e Berlusconi si giocano la vittoria rincorrendo il consenso di una manciata di elettori indecisi (persone senza volto ma delle quali si percepisce una trasudante ostilità a qualsiasi partito, una riottosità connaturata, un’irriducibile e ostruzionistica ritrosia a lasciarsi convincere), mentre trascurano milioni di creature ricoperte di pelo (ma anche senza pelliccia: non dobbiamo discriminare il gatto egiziano), il cui suffragio sarebbe invece determinante. Eppure basterebbe poco per riconoscere a questi esseri un diritto sacrosanto. Vediamo come.


Le regole del voto
Bisognerebbe, com’è ovvio, istituire una sorta di Bicamerale etologica. Luogo in cui le forze politiche s’accorderebbero sulle regole del voto animale e apporterebbero le necessarie modifiche costituzionali. Il criterio ragionevole dal quale partire? Semplice: a ogni partito dovrebbe essere assegnata una specie di riferimento. Sarebbe infatti troppo complicato, almeno in un primo momento, consentire a ogni animale di optare per questa o quella coalizione. Troppe le variabili e le incognite da verificare. Un primo rodaggio dovrebbe invece prevedere il più lineare dei meccanismi: l’animale sarebbe libero di votare per il partito assegnatogli, oppure di astenersi. Un listone bloccato, insomma, in qualche modo affine al Porcellum (che non a caso è sostantivo animalesco) col quale gli umani d’Italia sceglieranno il prossimo governo. Mi rendo conto che è una versione molto limitata, e pericolosamente plebiscitaria, del diritto di voto. Ma si tratterebbe solo del primo passo verso la completa libertà. E nulla vieterebbe modifiche al regolamento per i successivi appuntamenti elettorali.

L’assegnazione alle forze politiche delle specie domestiche (attenzione: sono tassativamente esclusi gli animali d’allevamento) sarebbe disposta in base a un canone proporzionalistico e maggioritario insieme. Come dire: ai partiti più importanti, e più votati, gli animali più importanti. Criterio che dovrebbe tenere conto, però, anche di affinità naturali e quasi prepolitiche tra i leader degli schieramenti e i loro piccoli, potenziali elettori. Chi si opporrebbe, allora, al matrimonio tra l’elettorato felino e il Popolo della libertà capitanato da Silvio Berlusconi? Non sono forse i gatti - con la loro naturale indole libertaria, menefreghista, egoista ed estetizzante – la specie più vicina al messaggio del centrodestra? E lo stesso Cavaliere, non assomiglia forse a un gattone invecchiato, col passato da sciupamobili e femmine, ma dall’identità felina intatta?

Per quanto riguarda Veltroni, poi, non ci sono dubbi: a lui spettano i cani. La fisionomia braccobaldesca e la bonarietà di Walter ne fanno il candidato ideale per la specie canina. Sembra davvero lui il più cinofilo dei leader politici (ora che Prodi è uscito di scena). E peccato che, come si è detto, lingue scritte e parlate siano inutili. Sennò sai quanti slogan (“Liberi, ma anche in branco”, “Autonomi, ma anche fedeli” ecc.). Cani e Partito democratico sono fatti gli uni per l’altro. Condividono troppi valori. Ad esempio: libertà dell’individuo ma senso della collettività. E ancora: autodeterminazione ma rispetto delle regole.

Per quanto riguarda le altre forze politiche, la faccenda è più spinosa ma si potrebbe risolvere così:
- all’Udc i roditori;
- ai Socialisti le tartarughe sia d’acqua che di terra;
- alla Destra di Storace e Santanchè i pesci (anche se già immaginiamo un possibile ricorso alla Corte costituzionale, visto che in Italia vivono sì sedici milioni di pesci d’acquario, ma sarebbe impossibile allestire un numero adeguato di seggi acquatici per consentire loro di raggiungere la cabina e votare. Dunque è certo che Storace e Santanchè s’incazzerebbero);
- alla Sinistra Arcobaleno gli uccelli, assegnazione insidiosa perché i volatili d’appartamento sono più di dodici milioni, quindi un numero mica male, però quando apri la gabbia delle due l’una: o restano dentro intimoriti oppure volano via, e chi li ripiglia più? Ma tant’è, la politica ha le sue dure regole.

La campagna elettorale
La scommessa da vincere sarebbe contro l’astensionismo. Quanti più cani, gatti e canarini i partiti riuscissero a portare alle urne, tanti più voti otterrebbero senza aver sprecato tempo (esempio tipo: se un candidato del Pd convince un gruppo di cani ad andare a votare, poi quelli sono tutti voti suoi, perché i cani che non si astengono, che dunque assumono una coscienza politica, non possono votare se non per il Pd). Dunque una battaglia per la politicizzazione delle bestie domestiche. Ma l’abbiamo già detto: uomini e animali non parlano la stessa lingua. La propaganda, dunque, dovrà essere priva di concetti, programmi, riflessioni, richiami ideologici. Al contrario, bisognerà impostarla su messaggi che sappiano sollecitare l’immaginario della specie di riferimento, così da invogliarla al voto. Dico messaggi semplici non perché consideri stupidi o inferiori gli animali, ma perché tra specie diverse, così come tra uomini ed extraterrestri, bisogna comunicare con linguaggi semplificati, come il motivetto del film Incontri ravvicinati del terzo tipo.

La politica deve dunque puntare su una campagna iconica, fatta di figure, ma anche di aromi e fragranze: insomma che sappia accendere i sensi, e attraverso essi comunicare la condivisione di valori, un credo comune.

Qualche esempio:

I candidati di Veltroni potrebbero visitare i canili muniti di un kit di ossi e biscottini. E poi proiettare ai raduni video elettorali che mostrassero branchi di cani felici, uniti nella corsa su un prato, protesi verso un obiettivo comune eppure fedeli al padrone (che poi non dev’essere per forza un leader in carne e ossa ma anche un’idea, anzi meglio un sogno, una visione).

Ai meno schifiltosi tra i candidati del Pdl, invece, per conquistare il voto dei gatti basterebbe presentarsi con un sorcio in bocca: immagine assai più potente del “Rialzati Italia” coniato da Silvio. Quale felino resisterebbe al messaggio carismatico promanante dalla bestiolina che si dimena tra le fauci del politico? Ma la prova non è per tutti. Quindi chi non se la sente potrà optare per la distribuzione di aromatici croccantini di pollo, oltre a propinare a tutta la gattara un filmato che presenta una tipica casa della libertà dove il micio s’aggira in beata solitudine facendo i propri comodi (pipì sui tappeti, frigo aperto da saccheggiare, unghie rifatte su poltrone e divani e via elencando).

Naturalmente sono esempi piuttosto rozzi. Non c’è dubbio che, una volta partite le macchine elettorali, gli esperti dei diversi schieramenti saprebbero elaborare strategie propagandistiche ben più raffinate.

Il giorno del voto
Le regole per la votazione dovrebbero essere trasparenti. E una proposta potrebbe essere quella che segue:

Il proprietario, a prescindere dalle sue simpatie politiche, è tenuto a condurre al seggio l’animale senz’alcuna possibilità di deroghe. Ad esempio il padrone di un bassotto, da sempre elettore del centrodestra, non potrà esimersi dall’accompagnare il proprio cane, né potrà impedirne la libera espressione del voto. Le sanzioni per i contravventori saranno durissime.

Una volta nel seggio, la bestia avrà cinque minuti di tempo per decidere se entrare o no in cabina. Un intervallo che l’animale potrà impiegare nel modo che preferisce e senza limitazioni da parte di alcuno. Ogni cane potrà correre avanti e indietro, saltare e abbaiare quanto vuole. Non potrebbe essere anche questa, infatti, una sua personale via all’estrinsecazione della volontà deliberativa? Un suo approccio graduale al voto? Analogamente, le tipiche incertezze nel passo di un gatto, quelle traiettorie ripensate e circolari, ripetitive e sinuose, indecise solo per l’occhio di un ignorante, non potrebbero essere funzionali alla determinazione di una scelta? Allora meglio ripeterlo: che siano consentite senza limiti. E che siano anche permesse a tutti i roditori quelle corse rapide e nervose lungo il perimetro di un locale, quei calcoli corporei e discontinui delle distanze così diffusi nella famiglia dei mammiferi dentoni.

Trascorsi i cinque minuti, si viene al dunque della vicenda. Astensione o voto? Cos’avrà deciso l’animaletto? Si tenga conto, a questo proposito, che solo l’ingresso in cabina equivale all’espressione del voto. Non basta avvicinarsi, o fare un salto dentro di pochi secondi, o svolazzarci intorno con atteggiamento canzonatorio (nel caso, ovviamente, di un uccello). No: l’animale deve entrare in cabina e restarci almeno un po’ (sulla quantificazione temporale dell’almeno un po’, il regolamento potrebbe lasciare margine discrezionale al presidente del seggio, oscillando tra un minimo di dieci secondi e un massimo di centoventi, trascorsi i quali, qualora l’animale non fosse ancora uscito, spetterebbe al proprietario il recupero).

Certo non si può escludere che Fido o Mizzy entrino nella cabina per puro caso, e che ci restino non per manifestare la propria volontà politica ma solo perché attratti da qualche dettaglio come un insetto che guizza sul pavimento, un odore o una semplice ombra ingannatrice. Ma è un rischio che bisogna correre e del resto anche tra gli umani sono molti quelli che votano senza grandi riflessioni o sulla base di veri e propri sragionamenti che nuocciono all’intera collettività; però nessuno impedisce loro di votare.

Una volta che l’animale è uscito dalla cabina, gli scrutatori segneranno il voto in un apposito elenco, che alla chiusura del seggio sarà raggruppato con gli altri risultati, perché il voto è personale, libero ed eguale, e non esistono voti di serie b o elenchi speciali.

In conclusione
Probabilmente il voto non renderebbe più felici cani, gatti e altre bestioline. Non sarebbe nulla più che un’esperienza allegra o faticosa a seconda dei caratteri, e presto dimenticata, anzi abbandonata nel sonno di un passato irrilevante e indecifrabile. Né l’assunzione di una precisa coscienza politica impedirebbe a molti cani e gatti di continuare ad andare d’accordo. La vita degli animali domestici non sarebbe rivoluzionata dall’estensione del suffragio. Sono altre le cose che contano per queste creature: il benessere quotidiano, ricevere cibo gustoso e nutriente, essere amati dai padroni, e poter fare sesso finché ne hanno voglia. Ma ciò non toglie che si tratterebbe di un grande progresso civile, con l’indubbio vantaggio di aprire un considerevole serbatoio di voti per le forze politiche.

Resta da vedere se i partiti minori acconsentirebbero alle specie loro assegnate. Siamo sicuri, tanto per citarne uno, che Bertinotti accetterebbe il bacino elettorale dei volatili? O non abbandonerebbe piuttosto il tavolo della riforma costituzionale avendo scelto, come potenziale elettore, il più intelligente e indomabile degli esseri, vale a dire il topo (di fogna o di fiume, di campagna o di città)? In fondo sarebbe una scelta rivoluzionaria e davvero anti establishment: un abbraccio elettorale con miliardi di pantegane, invisibili e disprezzate quanto i lavoratori precari o i poveri. Convincere questi esseri selvatici a votare sarebbe arduo. Bisognerebbe scendere nel sottosuolo. Affrontare le tenebre e mille pericoli. Chissà se la Sinistra Arcobaleno ci riuscirebbe. Certo calarsi nelle fogne sarebbe poco radical chic.

(www.rassegna.it, aprile 2008)

ARTICOLI

Il programma del Pd - Salari minimi, lotta
alla precarietà

I 12 punti
di Veltroni

I 14 punti
della Sinistra Arcobaleno

Nerozzi e Passoni salutano la Cgil e si candidano nel Pd

Betty Leone
si candida con
la Sinistra Arcobaleno

La crisi
di governo

Marini rinuncia,
si va al voto

Prodi
non ottiene
la fiducia
e si dimette

LINK

Guida al voto sul sito del ministero dell'Interno

Partito democratico

Sinistra Arcobaleno

Pdl
Udc

DOCUMENTI

Elezione
di Camera
e Senato

Elezione
del sindaco
e del Consiglio comunale

Elezione
della Provincia

Il Porcellum

Segnala questo articolo

e-mail del destinatario