Il lavoro dopo il Protocollo

La normativa sul lavoro dopo il varo della legge sul welfare
Crediamo utile fornire un quadro sintetico delle novità intervenute nella legislazione sul lavoro a seguito del Protocollo del 23 luglio 2007, e dell’approvazione da parte del Parlamento della legge 247 che, con alcune modifiche a volte non marginali, lo ha recepito. Riteniamo necessario un simile tentativo anche per cercare di fare un po’ di ordine nel dibattito a proposito del rapporto tra le novità intervenute e l’obiettivo di una “nuova legislazione sul lavoro” definito all’ultimo congresso della Cgil

a cura di Claudio Treves
Coordinatore dipartimento politiche attive del lavoro Cgil

Quattro deleghe importanti

I campi sui quali nel corso del 2008 il governo potra’ esercitare una delega legislativa sono quattro: la riforma dei servizi all’impiego; il riordino degli incentivi all’occupazione; la riforma degli ammortizzatori sociali; la riforma dell’apprendistato. Gli argomenti dovranno essere esaminati separatamente, a partire dal momento in cui se ne comincera’ a discutere in sede ufficiale dato che, con l’interrompersi della legislatura, l’attivita’ su questi temi si e’ bloccata, e riprendera’ con le nuove camere. Procederemo quindi alla sola enunciazione dei criteri sui quali le deleghe dovranno esercitarsi

Le tipologie d'impiego riformate...

Novita’ importanti riguardano le clausole elastiche e flessibili del contratto part time e il principio che riafferma la supremazia del lavoro a tempo indeterminato come lavoro standard

... e quelle che sono state cancellate

La legge nel suo percorso parlamentare ha abrogato la somministrazione a tempo indeterminato e il lavoro intermittente anche se la formula adottata non è immune da problemi

(www.rassegna.it, marzo 2008)

ARTICOLI

Dall'accordo
di luglio al voto
di ottobre

DOCUMENTI

Scarica questo speciale in formato pdf (zippato)

VIDEO

L'assemblea
alle acciaierie
di Terni

Segnala questo articolo

e-mail del destinatario